scieluminose

AMPUTANDO FRAMMENTI DI SÈ (2009)

Amare: i due composti rotti di una scarpa.
Bisogna che io risalga
vuoto di tutta la mia gabbia. Quieto retaggio di un'Assunzione, una serenata Rassegnata.
O che, nudo nell'acqua,
io trovi il coraggio di tagliare i lacci
gettare via i sassi, la sabbia cui ero ancorata,
Questa assidua zavorra
Come in una trappola;
Librarmi,
disfandomi dello stivale,
delle suole arse e riusate
e con inconsueto fervore
arrivare fino a galla
inalando nuova aria.

Morire. O amputare,
Ma solo quanto basta.
Link
https://www.scieluminose.it/amputando_frammenti_di_se_2009-s1766

Share link on
CLOSE
loading