scieluminose

Colonia Bolognese - Miramare Rimini
1 / 24 ‹   › ‹  1 / 24  › pause play enlarge slideshow
Colonia Bolognese - Miramare Rimini
2 / 24 ‹   › ‹  2 / 24  › pause play enlarge slideshow
Colonia Bolognese - Miramare Rimini
3 / 24 ‹   › ‹  3 / 24  › pause play enlarge slideshow
Colonia Bolognese - Miramare Rimini
4 / 24 ‹   › ‹  4 / 24  › pause play enlarge slideshow
Colonia Bolognese - Miramare Rimini
5 / 24 ‹   › ‹  5 / 24  › pause play enlarge slideshow
Colonia Bolognese - Miramare Rimini
6 / 24 ‹   › ‹  6 / 24  › pause play enlarge slideshow
Colonia Bolognese - Miramare Rimini
7 / 24 ‹   › ‹  7 / 24  › pause play enlarge slideshow
Colonia Bolognese - Miramare Rimini
8 / 24 ‹   › ‹  8 / 24  › pause play enlarge slideshow
Colonia Bolognese - Miramare Rimini
9 / 24 ‹   › ‹  9 / 24  › pause play enlarge slideshow
Colonia Bolognese - Miramare Rimini
10 / 24 ‹   › ‹  10 / 24  › pause play enlarge slideshow
Colonia Bolognese - Miramare Rimini
11 / 24 ‹   › ‹  11 / 24  › pause play enlarge slideshow
Colonia Bolognese - Miramare Rimini
12 / 24 ‹   › ‹  12 / 24  › pause play enlarge slideshow
Colonia Bolognese - Miramare Rimini
13 / 24 ‹   › ‹  13 / 24  › pause play enlarge slideshow
Colonia Bolognese - Miramare Rimini
14 / 24 ‹   › ‹  14 / 24  › pause play enlarge slideshow
Colonia Bolognese - Miramare Rimini
15 / 24 ‹   › ‹  15 / 24  › pause play enlarge slideshow
Colonia Bolognese - Miramare Rimini
16 / 24 ‹   › ‹  16 / 24  › pause play enlarge slideshow
Colonia Bolognese - Miramare Rimini
17 / 24 ‹   › ‹  17 / 24  › pause play enlarge slideshow
Colonia Bolognese - Miramare Rimini
18 / 24 ‹   › ‹  18 / 24  › pause play enlarge slideshow
Colonia Bolognese - Miramare Rimini
19 / 24 ‹   › ‹  19 / 24  › pause play enlarge slideshow
Colonia Bolognese - Miramare Rimini
20 / 24 ‹   › ‹  20 / 24  › pause play enlarge slideshow
Colonia Bolognese - Miramare Rimini
21 / 24 ‹   › ‹  21 / 24  › pause play enlarge slideshow
Colonia Bolognese - Miramare Rimini
22 / 24 ‹   › ‹  22 / 24  › pause play enlarge slideshow
Colonia Bolognese - Miramare Rimini
23 / 24 ‹   › ‹  23 / 24  › pause play enlarge slideshow
Colonia Bolognese - Miramare Rimini
24 / 24 ‹   › ‹  24 / 24  › pause play enlarge slideshow

Colonia Bolognese - Miramare Rimini

La Colonia Marina "Bolognese", fu progettata dall'Ingegnere Ildebrando Tabarroni fra il '31 e il' 32 ripetendo il modello a padiglioni utilizzato venti anni prima per l'Ospizio Marino Provinciale Bolognese, in seguito colonia Murri, realizzato a Rimini su progetto di Giulio Marcovigi.

La struttura della colonia rappresenta la tardiva applicazione di una tipologia architettonica ospedaliera basata sulle teorie mediche della fine del XIX secolo, secondo le quali le diverse specialità mediche e chirurgiche, gli ambienti per l'amministrazione e per il personale, i dormitori e i servizi dovevano essere nettamente separati. L'uso di un linguaggio ormai ampiamente superato è reso ancora più evidente dal confronto diretto con la colonia Novarese, che si trova poco distante, sull'altro lato della strada. Il complesso è attualmente in fase di restauro per essere adibito a struttura ricettiva.

Il complesso è costituito da quattro padiglioni disposti perpendicolarmente rispetto alla spiaggia, che ospitavano i dormitori e i refettori al piano seminterrato, intervallati da tre corpi di fabbrica di minori dimensioni adibiti a uffici, sevizi e camere per il personale. I padiglioni sono attraversati da un corridoio di collegamento lungo 169 metri, che incanala la distribuzione degli edifici e permette l'accesso da ciascun padiglione alle aree esterne di pertinenza, attraverso sei rampe di scale.

All'impianto di ispirazione tardo ottocentesca corrisponde il trattamento dei prospetti, ancora improntato a stilemi eclettici riferiti alla tradizione bolognese, con fasce marcapiano, cornici decorative in cotto a sottolineare le aperture e decorazioni pittoriche nella fascia di coronamento dei fabbricati adibiti a servizi. Le facciate sono rivestite in laterizio, con basamento intonacato, e sono caratterizzate dall'alternanza di aperture rettangolari al primo piano, centinate al secondo piano e binate sui lati corti dei dormitori, mentre il corridoio è forato su entrambi i lati da un doppio ordine di archi, separati da paraste al piano superiore.

Il disegno dei prospetti dei dormitori non riflette la distribuzione interna, dissimulando l'utilizzo del cemento armato che permette di ottenere due grandi camerate a pianta libera per ogni piano, separate dal corridoio passante. Il corpo d'ingresso principale, al centro del complesso, con il portale d'entrata soprelevato e preceduto da una scalea, la parte centrale aggettante, il balcone e le elaborate cornici in cotto, imita invece la tipologia del palazzo urbano.

Descrizione tratta dal Segretariato regionale del Ministero per i beni e le attività culturali per l'Emilia-Romagna

Da "Linthout.it":

La Colonia comprende un fabbricato centrale che si eleva su tre piani, dove al piano terra trovano posto la cucina ed i servizi inerenti, al piano rialzato gli uffici di direzione ed amministrazione, ed al piano superiore le infermerie per malattie comuni, alle quali infermerie si accede direttamente dal vasto atrio di aspetto senza dover passare attraverso altri locali in modo tale che le infermerie vengono a trovarsi isolate dagli altri locali della Colonia.
Il predetto fabbricato centrale divide i due reparti per maschi e per femmine, situato il primo ad Ovest ed il secondo ad Est del fabbricato medesimo.

Ogni reparto comprende due padiglioni a tre piani, dove al piano terra vi sono i bagni di pulizia per entrambi (in tinozza ed a doccia), ed i locali ad uso guardaroba, stireria, magazzino, oltre ai refettori nel lato verso mare; al piano rialzato trovano posto i locali di soggiorno e di ricreazione, dove si raccoglievano i bambini durante le giornate di cattivo tempo quando cioè non sarebbe possibile ed opportuno tenerli sulla spiaggia. I dormitori sono suddivisi fra gli ultimi due piani.
Fra i due padiglioni menzionati, tanto nel reparto maschile che in quello femminile, opportunamente isolato, ma comunicante coi padiglioni mediante una galleria coperta, si trova un piccolo fabbricato dove trovano posto le latrine, i lavabi, i locali di servizio e del personale.


*************

Attualmente è prevista un'asta per il 25 febbraio 2021,dopo le precedenti 4 aste andate deserte iniziate a partire da inizio 2019. Il prezzo iniziale dell'asta era partito da 18 milioni mentre ora è slittato a 7 milioni circa con un'offerta minima di 5.800.000.
https://www.newsrimini.it/2021/01/colonia-bolognese-nuova-asta-il-25-febbraio-deserte-le-precedenti/

Recentemente (settembre 2020) la Colonia Bolognese ha fatto da scenografia per le riprese del progetto "Corto di Colonie" Eventi a Rimini per il cortometraggio realizzato all'interno del progetto “Corto di Colonie” a cura del Liceo Classico Giulio Cesare – Manara Valgimigli di Rimini, vincitore del Bando Per chi crea 2018, Siae Mibact." Il progetto che si avvale dell'adesione del Comune di Rimini, dell'Università degli Studi della Repubblica di San Marino, Corso di laurea magistrale in Design, della collaborazione delle Associazioni “Il Palloncino Rosso”, “Le città visibili”, “Smart Academy e Amarcort” e di numerosi professionisti e artisti riminesi, mira a realizzare un cortometraggio ambientato nelle colonie marine riminesi, raccontando le storie dei ragazzi di oggi.

Nel corso del 2018 e anche successivamente ha avuto luogo nella colonia un progetto che si propone essere di "rigenerazione urbana" e di riutilizzo da parte della società civile di un bene storico e in stato di abbandono della città di Rimini, promosso dall'Associazione "Il palloncino rosso", cui è stata concessa anche la curatela fallimentare, e che prevede eventi e proposte culturali come cinema all'aperto e concerti.

Sarebbe auspicabile che anziché gridare come al solito, al pericolo di degrado e abbandono e alla caccia alla "microcriminalità" (anziché magari a quella grande e organizzata e di stampo mafioso!") ci si concentrasse sul combattere fenomeni di povertà, insicurezze ed indigenza con sane pratiche di welfare ed assistenzialismo per le fasce di popolazione più bisognose, per esempio adibendo la colonia a dormitorio con servizi di mensa e doccie, nonché servizi culturali e ricreativi annessi. Ce lo auguriamo.

Link
https://www.scieluminose.it/colonia_bolognese_miramare_rimini-p23394

Share link on
CLOSE
loading