scieluminose

Tempesta (2012-2013)

Tempesta
confusione di idee nella mia testa
bizzarre all'ego infantile,
mi risveglio da un sogno irresistibile
eri te nella notte a farmi navigare
- non così, o mi farai naufragare -
sollevami il guanciale dolcemente
rendimi schiavo nella tua mente
l'ebrezza è un'idea soddisfacente...
per le tue lusinghe sarò un ninfo fedele,
sollevati e ripiegati su di me, amore eccezionale.

Non tardò tanto l'anima
a dispiegarsi alla tua venuta
come una ventata fatale,
Nuvola di pretesa e di ardore
rendi i sogni accessibili,
gli incubi della notte prontamente
si dissipano al tuo giungere;
Calando la loro maschera,
svelata l’ombra e l’oltretomba,
i fantasmi ultra millenari
retrocedono alle ingorde tenebre;
Si apre finalmente uno spiraglio di luce,
mi sarà fedele adesso il fato?
Galante come non lo era mai stato,
mi sorride con un raggio intrepido, il sole
il cocchiere allunga la mano, abilmente invita,
ci fa spazio nella sua carrozza
è compresa nel viaggio
ogni più ambita destinazione,
Parigi, Vienna, e "I cieli sopra Berlino",
quota eternale richiesta, da versarsi in unica soluzione:
solo e squisitamente Amore.
Amore, come il grido di un bambino appena nato,
Amore, come un fiore di gelso finalmente sbocciato,
Amore, come una libera corsa su per la montagna a perdifiato,
tu lo culli dentro la tua anima, lo innaffi di carezze e di premura,
ansimi infine di piacere per la reciproca sua cura.
Amore ti accoglie nei più intimi recessi del cuore,
sei la sua Musa prediletta, te non te ne accorgi ma lui s'allieta
a tenerti fra le sue braccia, bene stretta, quando la lieve foschia del sonno t'assale.
Perciò libriamoci in sottili voli carnali
che carne e spirito infine si confondono e divengono uguali,
del piacere dell'uno beneficia l'altro e il mondo risplende di quest'armonia di opposti
di questa sintonia dell'anima mia con la tua, e questo ci fa uguali!
Uguali nelle reciproche differenze, uguali nel sesso e nei sessi ma non nella mente,
uguali nell'amore che tutto riduce a melodia
e che della immensa stupidità degli esseri pensanti, deduce solo affetto e sincronia,
e di essa solo si compiace e in tutte le creature in egual misura.
Matematica di relazioni, sincronia di anime e di opposti,
è la mia essenza che fa rima con la tua
In questo viaggio perenne che non conosce né limiti né paura.
Link
https://www.scieluminose.it/tempesta_2012_2013-s701

Share link on
CLOSE
loading